Martedì 14 febbraio 2017, alle ore 11 nel Complesso monumentale di Sant’Ignazio – Archivio di Stato, via Santa Chiara 28, Genova, si è svolta la Seduta solenne dedicata al Giorno del Ricordo, per non dimenticare la persecuzione degli italiani nelle terre della Dalmazia e della regione storica della Venezia Giulia, comprese in larga parte negli attuali confini  geografici di Friuli Venezia Giulia, Croazia e Slovenia, durante gli ultimi mesi del secondo conflitto mondiale e nel periodo immediatamente successivo. Migliaia di uomini e donne di lingua e cultura italiana, che erano nati e cresciuti in quelle terre,  furono perseguitati, scaraventati  nelle foibe dove trovarono la morte o costretti ad un doloroso esilio dai territori che fino a poco prima erano stati italiani.

Ad aprire la cerimonia  Francesco Bruzzone, presidente dell’Assemblea legislativa,  che ha portato il saluto di tutto il Consiglio regionale.

Ha fatto seguito l’intervento di Lucia Bellaspiga, giornalista milanese, figlia di istriani e autrice di numerosi approfondimenti dedicati ai dolorosi temi delle foibe e dell’esodo dalle terre dell’Istria, Fiume e Zara nel corso degli anni. Di questi argomenti si è molte volte occupata  all’interno del quotidiano “Avvenire”  per il quale lavora come inviata. 

Al termine della seduta sono stati premiati i vincitori della sedicesima edizione  del concorso “Il sacrificio  degli italiani della Venezia Giulia e Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli”, destinato agli studenti  degli istituti superiori della Liguria e che rientra nelle iniziative promosse  dalla legge regionale 

La nostra studentessa Anna Lazzari è stata premiata quale vincitrice del concorso


Pubblicata il 15 febbraio 2017